CASTELLAMMARE DI STABIA


Piazza Giovanni XXIII, 13
80053 Castellamare di Stabia (Na)
Telefono: +39 081 390011
Fax: +39 081 8726284
Email: urp@comune.castellammare-di-stabia.napoli.it

http://www.comune.castellammare-di-stabia.napoli.it

Castellammare di Stabia è un comune di 64.553 abitanti della provincia di Napoli in Campania.
Castellammare di Stabia è situata nella parte sud della provincia di Napoli, nel territorio compreso tra la fine della zona vesuviana e l'inizio della penisola sorrentina. La città sorge in una piana di natura alluvionale-vulcanica, in una conca del golfo di Napoli, protetta a sud dalla catena dei monti Lattari, mentre verso oriente si perde nelle campagne attraversate dal fiume Sarno, il quale sfocia nel mare di Castellammare di Stabia. Le origini di Castellammare di Stabia si perdono nella notte dei tempi e sono ancora incerte[9], anche se alcuni ritrovamenti documentano che la zona era già abitata a partire dall'VIII secolo a.C. Diverse sono state le dominazioni come quella dei sanniti seguite poi dagli Etruschi e dai Greci: il nome di questo insediamento era Stabiae. Stabiae venne conquistata da Roma nel 340 a.C. e fu durante il periodo romano che la città ebbe il suo massimo splendore: infatti venne cinta da mura e divenne un piccolo borgo dedito soprattutto ai prodotti che offriva la terra.
ACQUE TERMALI
Definita Metropoli delle acque per il suo patrimonio idrologico costituito da ben 28 tipi di acque[41] di acque minerali differenti, divise in solforose, bicarbonato calciche e medio minerali, il termalismo ha rappresentato per Castellammare di Stabia fin dal metà dell'Ottocento un tassello importante sia per l'economia che per il turismo. Per sfruttare al meglio le proprietà delle acque la città dispone di due stabilimenti termali, uno nel centro antico e l'altro nella zona collinare dove è anche possibile effettuare alcune cure. Inoltre alcune acque come l'acqua della Madonna e l'acqua Acetosella, tra le più note e già apprezzate da Plinio il Vecchio che le consigliava ai sofferenti di calculosis[

STRUTTURE TERMALI

STRUTTURE RICETTIVE